Programmi per tagliare video: 6 software da sperimentare

Programmi per tagliare video: 6 software da sperimentare

Al giorno d’oggi le persone realizzano facilmente video tramite smartphone, fotocamere digitali, webcam, dashcam per auto o programmi di registrazione dello schermo su Pc. È un nuovo fenomeno che va forte in tutto il mondo.

Il problema è che la dimensione del file di questi “footage” è molto grande e ci vorrà molto tempo per modificare – caricare video su YouTube oppure mandarli a qualcuno con WHATSAPP. In questi casi, è necessario utilizzare un programma per tagliare video che consente di “spezzare” rapidamente parti del video mantenendo la qualità video originale.

Esistono molti buoni programmi di taglio video che possono svolgere questo lavoro con  risultati più che soddisfacenti. Abbiamo confrontato i migliori programmi per tagliare video  per aiutarti a trovare la soluzione ideale per le tue esigenze.

Se vuoi tagliare video online gratuitamente senza scaricare programmi sul tuo computer Windows o Mac, puoi provare Free Video Trimmer. Puoi caricare il tuo video dal computer e il link del video con il trascinamento della selezione. È facile da usare con il dispositivo di scorrimento, inserisci solo orario di inizio e fine specifici per un taglio preciso. Supporta inoltre vari formati di importazione ed esportazione di video, tra cui .mp4, .mov, .wemb, .mpeg, .flv.

Gihosoft Free Video Cutter, disponibile per Win e Mac,  è progettato per il taglio di file video lunghi e di grandi dimensioni, come AVI, MPEG, VOB, WMV, MKV, FLC e MP4, ecc. È un software che occupa poco spazio e gratuito. È possibile salvare i nuovi video in altri formati alternativi senza perdita di qualità.

Bandicut è un programma video professionale che può tagliare un file video di grandi dimensioni regolando l’ora di inizio e di fine spostando un cursore. Con Bandicut, tutti possono facilmente selezionare l’area interessata e tagliare rapidamente le parti del video mantenendo la qualità video originale. Bandicut non è ricco di funzionalità come altri programmi di editing video come Sony Vegas o Adobe Premiere, ma è uno dei migliori programmi di taglio video che ti consente di tagliare, unire , dividere i video ad alta velocità con una qualità eccellente.

Apowersoft Video Converter Studio è uno dei migliori programmi invece di conversione video. Supporta la conversione di tutti i formati audio video tra cui MP4, MKV, AVI, WMV, HEVC, H.264, MKV, 3GP, FLV, SWF, HTML5, M4V, MOV, ASF, DV, VOB, OGV, ASF, RM, MTS / M2TS / TS / TP / TRP, MOD, TOD. Puoi anche personalizzare i parametri video, come dimensioni del frame, larghezza, altezza e bitrate . Se fai clic sul pulsante “Modifica”, puoi tagliare un video per fotogramma . Tuttavia, ci vuole molto tempo per ottenere il file di output e la perdita di qualità del video è inevitabile perché deve ricodificare il file video.

Video Edit Master è un ottimo video cutter gratuito, ottimo per tagliare e unire video in modo facile e veloce con la qualità originale. Viene fornito con un’interfaccia intuitiva e molte funzionalità di editing video, come l’acquisizione di frame da file video. Tuttavia, supporta solo file video AVI (Divx, Xvid..etc.) e MPEG. Se si desidera tagliare altri formati video, è meglio rivolgersi ad altri software video gratuiti o utilizzare un software di editing video professionale .

VirtualDub è un software di editor video gratuito progettato per operazioni lineari veloci disponibile per Linux, Mac e Windows. Gli utenti possono tagliare un video per fotogramma e tagliare le sezioni, applicare filtri, modificare la frequenza dei fotogrammi e l’intensità del colore, ricomprimere, regolare l’output AVI. Anche se VirtualDub è gratuito e facile da usare, non supporta molti formati di file video popolari come MP4, MOV o MKV.

Weeny Free Video Cutter è un software gratuito utilizzato per il taglio di video. Viene utilizzato per tagliare file video di grandi dimensioni in pezzi più piccoli. Lo strumento supporta diversi formati di file tra cui VOB, 3GP, FLV, MP4, MPG, ASF, AVI, RM e WMV tra gli altri. Gli utenti possono usarlo per tagliare parti video non necessarie come trailer e pubblicità. 

L'ausilio ideale per anziani e disabili: il montascale

L’ausilio ideale per anziani e disabili: il montascale

Cos’è il montascale

L’ausilio perfetto per abbattere ogni tipo di barriera architettonica è sicuramente il montascale. Si dimostra infatti essere l’attrezzo più adatto per superare tutti quei ostacoli che si trovano nelle abitazioni sia internamente che esternamente. Nello specifico, il montascale può essere definito come quella soluzione immediata e funzionale per tutti coloro che devono affrontare giornalmente delle difficoltà riguardanti la modalità.
Il montascale si dimostra essere indispensabile soprattutto per quelle persone che hanno una fascia d’età superiore ai sessanta anni ma si dimostra essere anche molto utile per i disabili in quanto permette loro di facilitare la salita e la discesa dalle scale.

L’istallazione presso il domicilio della persona che richiede tale ausilio, avviene in maniera rapida e non sarà necessario alcun tipo di ristrutturazione in casa o modifiche particolari. I modelli che verranno istallati infatti saranno perfettamente in linea con le scale presenti nell’abitazione e con le strutture curvilinee e dritte. Il design inoltre si presenta elegante ma semplice per cui risulta essere facilmente adattabile nell’ambiente domestico, senza intralciare eccessivamente lo spazio.

Il meccanismo del montascale

Il meccanismo di cui è dotato il montascale è assolutamente sicuro in quanto tutti i suoi componenti vengono prodotti solo con la massima affidabilità e precisione. Il montaggio e il trasporto sulla scala risultano inoltre essere molto solidi in quanto la rotaia, presente nel suddito ausilio, viene testata singolarmente.

La rotaia può essere istallata ad esempio sul lato del muro oppure sul lato della ringhiera senza alcun bisogno di fare delle modifiche all’opera muraria. L’intera struttura verrà fissata a gradino attraverso l’uso di appositi supporti per garantire sempre la massima sicurezza.

Il montascale funzionerà inoltre con la propria batteria per questo potrà essere utilizzato tranquillamente anche in caso di mancata corrente in casa. Per attivare il suo funzionamento occorre semplicemente spingere la leva di comando nella direzione che si desidera e attraverso il meccanismo elettrico, il montascale inizierà la sua discesa o la sua salita.

La seduta di cui gode la poltrona del montascale è assolutamente ritenuta morbida e completamente comoda in grado di donare ogni tipo di comfort.
Questo ausilio può anche essere personalizzato così da tenere cura, durante la sua realizzazione, di ogni singola esigenza.

Detrazioni sull’acquisto del montascale

L’acquisto del montascale può subire una riduzione del prezzo oppure delle detrazioni fiscali. L’intera spesa potrà in particolar modo essere detratta fino al 19% come accade per le normali spese mediche. Per poter usufruire di questo vantaggio occorre solamente conservare la fattura dell’acquisto e applicare poi la detrazione nel momento in cui viene fatta la dichiarazione dei redditi, relativa all’anno in cui si è provveduto ad acquistare tale sussidio.

Nel 2012 è poi entrato in vigore un nuovo decreto legge grazie al quale è possibile detrarre l’imposta sul reddito delle persone fisiche, conosciuta anche più semplicemente come Irpef. Con questa agevolazione è possibile avere una detrazione del 50% sul costo totale del montascale pagando però solo attraverso bonifico bancario. Il contribuente non deve per forza di cose essere il proprietario dell’immobile e si ha diritto a questa agevolazione indipendentemente dalla proprie condizioni di salute.

Infine, alcune aziende prevedono la possibilità per l’acquisto del montascale, attraverso finanziamenti personalizzati con tasso agevolato.

Perché è importante la reputazione online

Perché è importante la reputazione online?

La gestione della reputazione online è una strategia che aiuta aziende, ma anche singoli professionisti o cittadini privati a migliorare la propria visibilità su Internet. Li aiuta anche a rispondere alle recensioni pubblicate dai clienti sui siti come Yelp, Trip Advisore, Google My Business e così via.

La reputazione online conta moltissimo al giorno d’oggi. Una cattiva reputazione si diffonde molto più velocemente di una buona reputazione. Facciamo l’ esempio del ristorante. Se su 10 persone che hanno visitato il ristorante, due hanno ritenuto che il cibo fosse cattivo, si può essere sicuri che il ristorante riceverà due recensioni negative. Delle otto persone che hanno adorato il cibo, forse una coppia potrebbe pubblicare una buona recensione. Il punto che stiamo cercando di sottolineare è che le persone non perdono alcuna possibilità di pubblicare una recensione negativa. Potrebbero o meno postarne uno positivo, ma se si tratta di qualcosa di negativo, che li ha toccati, lo faranno. Pertanto, costruire e mantenere una buona reputazione online non è così semplice come pensi. 

Avere una buona reputazione online è sempre importante. Tuttavia, assume significato in alcune delle seguenti circostanze.

Costruire un business: costruire un business richiede di attrarre clienti e concludere affari. Un’eccellente reputazione online ti aiuta a farlo comodamente. Buone recensioni positive svolgono un ruolo straordinario nella costruzione degli affari. È fondamentale incoraggiare le persone a pubblicare le proprie recensioni. Di solito succede che le persone non dimenticano mai di pubblicare recensioni negative, ma diventano riluttanti a pubblicare quelle positive. Cerca di stimolare i clienti a lasciare un buon feedback.

Cercare lavoro: i reclutatori cercano il tuo comportamento online per capire di che pasta sei fatto. Tutto ciò che fai sulla rete dei social media diventa essenziale. I tuoi potenziali datori di lavoro controllano e selezionano i candidati online. Ci sono stati innumerevoli casi di licenziamento di candidati in base alla loro cattiva reputazione online.

Networking con le persone – Ci vuole molto tempo per costruire una buona reputazione, ma pochi secondi per perderne una. Il tuo stato fa una differenza significativa quando fai rete con le persone. Include i tuoi partner commerciali, dipendenti, media ecc.

L’aspetto migliore della buona gestione di una reputazione online è che puoi farla da solo. Non ci vuole molto sforzo. Certo, necessiti degli giusti strumenti, tuttavia dovresti fare lo sforzo anche da solo. Questi semplici passaggi possono aiutarti a costruire e mantenere tu stesso la tua reputazione online.

Cerca il tuo nome o il nome della tua attività su Google.

È una buona idea cercare te stesso su Internet. Prova a mettere il tuo nome, soprannome, anche con errori di ortografia legati al tuo nome e così via. Puoi anche includere parole chiave come il nome della tua città, scuola, università e così via.

Migliora la tua sicurezza

Se trovi materiale discutibile contro il tuo nome, prova a rimuovere questi collegamenti. Il tuo potenziale cliente o datore di lavoro non dovrebbe avervi accesso. Puoi rimuoverli o renderli privati. Tutti conoscono bene gli strumenti di Facebook. È facile rafforzare la tua sicurezza sui siti di social media come Facebook.

Considera di cambiare nome alla tua attività

Se il nome legato al tuo brand o attività è ormai pesantemente compromesso online, cambia nome e logo. Acquisirai una nuova verginità e partirai da zero.

Costruisci il tuo marchio

progetta e metti online un sito Web reattivo in cui i tuoi clienti possono interagire. Aggiorna i tuoi contenuti regolarmente in modo che i clienti ricevano qualcosa di nuovo da vedere ogni volta che visitano il tuo sito web.

Stai attento

Prevenire è sempre meglio che curare. Stai attento a come ti comporti online e nel mondo reale. Imposta avvisi di Google, usa un indirizzo email separato per uso personale e professionale e sii cauto nell’uso delle parole, tutto cio’ può aiutarti a costruire una buona reputazione online.

Pubblicare un libro: cartaceo o ebook?

Pubblicare un libro: cartaceo o ebook?

Il numero dei lettori, registrano costantemente le ricerche, è sempre molto basso, ma non quello degli scrittori. Il desiderio di pubblicare un libro e di vedere il proprio nome stampato su una copertina è un fascino molto grande che attrae moltissime persone.

Per questo sono sempre tanti coloro che si interessano sul come pubblicare un libro e se i canali tradizionali dell’editoria cartacea sono piuttosto saturi, una grande opportunità è data dagli ebook. Quello dei libri digitali, però, è un settore che sembra stentare a decollare e i libri cartacei continuano a mantenere la fetta di mercato più consistente.

Cosa fare, quindi? Quale tipologia di formato scegliere? Se è vero che è possibile optare per entrambe le formule e pubblicare un libro sia in formato cartaceo che digitale, è utile sottolineare i vantaggi di entrambe le tipologie. In questo modo ogni autore potrà valutare quale mezzo è più utile per il proprio libro.

3 vantaggi nel pubblicare un libro cartaceo

Per quel che riguarda i libri cartacei possiamo individuare questi tre vantaggi:

  • Fascino;
  • Comprensione;
  • Contraffazione.

Fascino

Quando si tratta di fare scelte non bisogna pensare solamente al loro ritorno economico. Sia perché la maggior parte degli autori è consapevole che la pubblicazione di un libro non gli servirà ad arrivare alla fine del mese, sia perché è importante pensare alle scelte dei potenziali clienti. In questo caso i lettori. Se questi continuano a preferire i libri cartacei, un motivo ci sarà ed è corretto tenerlo in considerazione. Resta poi il fatto che i libri cartacei risultano più belli di quelli digitali. Il contatto fisico è ancora un valore, così come poter esporre sulle mensole di casa la propria fatica letteraria.

Comprensione

Diversi studi dimostrano come la lettura su carta sia più efficace di quella su mezzi elettronici. Le ragioni sono diverse e molte ancora in fase di studio, ma è anche questo un dato con il quale confrontarsi. Chi scrive lo fa per comunicare qualcosa: un’idea, una teoria, una storia; è quindi necessario che prenda in considerazione come questo messaggio venga meglio recepito.

Contraffazione

Un aspetto non meno marginale è quello dato dalla riproducibilità di un libro. È vero che il più delle volte non parliamo di opere che venderanno milioni di copie, ma è un principio che rimane sempre valido. Il libro cartaceo per essere copiato richiede tempo e costi. Sia che venga digitalizzato che fotocopiato, l’effetto finale non è dei migliori. L’ebook, invece, può essere craccato in maniera tale da rimuovere ogni sorta di limitazione e copiato molto facilmente. Danneggiando il lavoro fatto dall’autore.

3 vantaggi nel pubblicare un ebook

La pubblicazione di un libro digitale, invece, mette a disposizione questo tipo di vantaggi:

  • Costi produzione;
  • Costi vendita;
  • Distribuzione.

Costi di produzione

Il cosiddetto self-publishing non è prerogativa solo degli ebook, ma con questi ha la possibilità di abbattere notevolmente i costi. Per produrre un libro cartaceo è necessario considerare la stampa, la rilegatura e la spedizione. Tutto questo per ogni copia che si desidera acquistare. L’ebook, invece, è sempre quello e la sua riproducibilità consente di non avere costi di magazzino con la conseguenza di consentire all’autore di pubblicarlo sostenendo solamente le spese burocratiche (iscrizione ISBN, eccetera).

Costi di vendita

Se si abbattono i costi di produzione anche quelli di vendita possono essere molto più bassi. E, in percentuale, anche il guadagno per l’autore può essere più alto. Molte volte quando si auto pubblica un libro cartaceo ci si rende conto come si sia obbligati a mettere un prezzo di copertina alto e poco appetibile per un potenziale interessato. Questo serve per l’editore per ripagarsi del costo di pubblicazione, stampa e rilegatura. Con l’ebook questi problemi non ci sono e il costo di vendita può essere gestito con una maggiore autonomia.

Distribuzione

Per i libri digitali la distribuzione può essere un grande punto di forza. La capillarità che si raggiunge con gli e-commerce è irraggiungibile per la distribuzione tradizionale. Pubblicando un ebook chiunque ne sia a conoscenza può acquistarlo in qualsiasi momento, senza doversi recare in libreria e senza dover attendere tempi di consegna e spedizione.

Come tagliare un file mp3

Come tagliare un file mp3

Esistono molti software per tagliare mp3 o per unirli nel mondo online. Trovare il migliore è difficile. Per ridurre al minimo la ricerca abbiamo preparato questa guida. Oggi parleremo dei migliori programmi per tagliare file audio mp3. Non diamo alcuna classifica, scegliete quello che preferite in base anche alla disponibilità per il vostro sistema operativo, che sia MacOS, Windows o Linux.

Se il tuo obiettivo è ritagliare un file musicale per creare la suoneria del telefono, non perdere tempo sul computer perché ci sono molte buone applicazioni per la creazione di suonerie su Google Play e iTunes App Store.

Mp3DirectCut è un tipo di editor audio che consente di tagliare, aggiungere e modificare file audio senza codificare e decodificare i file audio. Ci sono così tante funzionalità di modifica nell’applicazione come dissolvenza, variazioni di volume, registrazioni, elaborazione batch e altro ancora. Questa applicazione è leggera e il suo processo di file MP3 molto veloce.

Mp3 cutter and editor è una semplice applicazione per tagliare file audio (ad esempio MP3, WAV) , puoi applicare la dissolvenza alla clip molto facilmente. Se il tuo obiettivo è tagliare i file audio, questa app è la cosa migliore che ci sia, semplicissima, seleziona solo i punti iniziale e finale e salva la clip. L’applicazione software è leggera, semplice e assolutamente gratuita per tutti gli utenti.

Un buon software di editing audio gratuito ti aiuterà a produrre musica fantastica. I moderni editor audio possono tagliare, unire la musica, applicare filtri ed effetti, registrare suoni, mixare campioni musicali, cambiare voce, normalizzare il volume, creare suonerie, silenziare il silenzio e tonnellate di altri trucchi interessanti.

Se vuoi qualcosa piú di un semplice programma di taglio di file MP3 opta per Audacity. Nato nel 2000, Audacity è un pioniere del freeware gratuito per l’editing del suono. Il download è disponibile per Windows, Mac e Linux. Che cos’è Audacity? È un potente editor musicale che ti consente di eseguire tutte le operazioni necessarie con i file audio: registrare musica, mixare campioni audio, tagliare e tagliare tracce, unire diversi MP3 , applicare effetti, parti mute di una canzone e molto altro. Audacity ha un impressionante elenco di formati audio supportati tra cui M4A , M4R, WAV , MP3, AAC , AIFF, FLAC, MP2, MP3, OGG e altri. Per le estensioni di file musicali , usa Freemake Audio Converter e codificali in MP3, WAV o WMA

Il programma registra suoni da microfoni o mixer, riproduce l’audio e registra più canali nella stessa riga. Le caratteristiche più richieste di questo freeware sono il taglio, il missaggio di un gran numero di tracce, la modifica delle proprietà del suono: tonalità, tempo e l’alterazione degli effetti della traccia. Ci sono anche alcuni effetti avanzati disponibili come l’aggiunta di eco o l’inversione.

Live 9 è una workstation di musica digitale avanzata per DJ. A differenza di Audacity, Ableton Live 9 consente ai musicisti professionisti di trasmettere sessioni di musica dal vivo in night club e di eseguire concerti in tempo reale. Live 9 è disponibile per il download su Windows e Mac. Ha un’interfaccia flessibile e realizza quasi tutte le opzioni che puoi immaginare. È possibile aggiungere anche rime e accordi di sottofondo. Quindi puoi sentirti un vero direttore musicale e creare il tuo capolavoro di suoni dal vivo. Con il software della stazione audio Ableton Live 9, è possibile registrare, mixare, aggiungere effetti, sincronizzare tracce e molto altro. Il vantaggio del software Ableton è la capacità di lavorare e produrre file MIDI che ogni musicista ama. Un altro vantaggio è un lungo set di pacchetti extra per musicisti con vari loop, campioni , mix di batteria e strumentali, ritmi, rumori e melodie.

Immagini gratuite per progetti web e marketing

Immagini gratuite per progetti web e marketing

Dove cercare foto gratis sul web

Quando progetti un sito web, o stai implementando una campagna seo, oppure stai facendo post sponsorizzati su facebook, se c’è una cosa che fa perdere un sacco di tempo è la ricerca di immagini adatte, magari foto gratis o con royalty free per abbattere un po’ i costi.

L’ottimale, per qualsiasi sia l’utilizzo finale, sarebbe quella di creare da se le proprie immagini, con scatti reali o tramite disegni vettoriali, ma non sempre si hanno il tempo e le risorse per poterlo fare, ecco quindi che si cercano foto gratis su internet.

Un post o un articolo senza immagini non è coinvolgente, non ha appeal, l’importanza delle immagini, ad esempio su twitter o facebook, è ormai comprovata proprio per catturare l’attenzione di follower e fan.

Purtroppo però in molti ancora oggi si domandano, anzi, lo chiedono a google, dove si possono trovare foto gratis di alta qualità libere da copyright da poter utilizzare su blog e social media.

In Italia, tanto per capirci, tutte le immagini sono coperte da diritto d’autore, ed il loro utilizzo può essere fatto solo tramite accordo con l’autore o chi ne detiene i diritti.

Il diritto d’autore, nel caso di fotografie non artistiche, cioè per le foto che cerchiamo noi quindi, scade dopo 20 anni, per cui visto che siamo nel 2020, le fotografie scattate dal 2000 in poi sono coperte da copyright.

Per autori di altra nazionalità bisognerebbe invece capire come funziona la legge sul diritto d’autore in quella nazione, ma vale la pena tutto ciò?

NO, meglio dirottare la nostra attenzione verso fotografie gratuite o perché l’autore ha rinunciato ai diritti o perché hanno licenza Creative Commons, o perché ancora di dominio pubblico.

Foto gratis e licenza Creative Commons

Creative Commons è un’organizzazione no profit che consente di condividere la propria creatività e conoscenze attraverso strumenti free perfettamente legali.

Esistono vari gradi di licenze Creative Commons, che vanno dalla più free, cioè che la foto gratis è libera per qualsiasi utilizzo, anche commerciale, per andare a licenze più restrittive che consentono solo alcuni tipi di usi in modo sempre gratuito.

Royalty free, che significa?

Le immagini che hanno la dicitura royalty free non significa che sono foto gratuite, ma, quasi sempre, che bisognerà pagare una somma una volta per poi poter utilizzarla quante volte ci pare.

Una royalty quindi è una specie di tassa una tantum, pagata all’autore per la vendita di quella determinata fotografia, ed anche nei vari siti dove si trovano immagini a pagamento, sono sostanzialmente fotografie con royalty free.

Foto di dominio pubblico

Attenzione, non dovete pensare che se trovate un immagine su internet allora è di dominio pubblico, perché non è così.

Un immagine è di dominio pubblico quando i diritti d’autore sono scaduti o non sono più applicabili.

Ora proviamo a fare una carrellata di siti che possono offrirvi le foto gratis che cercate.

5 siti per trovare immagini gratuite

Qui di seguito troverete una breve descrizione di cinque tra i più famosi siti per scaricare foto gratis dal web, ed in ultima una chicca per chi non vuol perdere tempo.

Pexels per le immagini gratis

Pexels

Pexels è uno dei più famosi siti per cercare immagini gratuite, da poter scaricare in vari formati ed utilizzare e modificare gratuitamente anche per uso commerciale, in quanto le immagini hanno tutte licenza Creative Commons Zero (CC0).

Lo sapete che su Pexels vengono caricate circa 3.000 foto nuove pronte per essere scaricate gratuitamente?
Pexels è tra i siti più usati per cercare foto gratis proprio per il suo immenso catalogo sempre in crescita.

Pixabay per le immagini gratis

Pixabay

Anche le immagini che trovate su Pixabay sono con licenza Creative Commons Zero (CC0), cioè quella più libera, e il che significa che potete usare queste immagini senza dare credito all’artista.
Dopo ogni dowload su Pixabay vi viene comunque chiesto se volete concedere un credito tramite link sull’immagine, anche se non è obbligatorio.

Uno dei punti forti di Pixabay, oltre al catalogo immenso che ha da offrire con più di 400.000 foto, è quello di poter scegliere la dimensione del file da scaricare, in modo da poter scegliere quella con il formato più consono a noi.

Unsplash immagini gratuite

Unsplash

Come non parlare di Unsplash?

Unsplash ha una sua licenza, completamente gratuita e le immagini scaricate da Unsplah possono essere utilizzate anche per scopo commerciale.
Le fotografie che trovate su Unsplash sono tutte foto gratuite in alta qualità e proprio per questo sono immagini di un certo peso, nel vero senso informatico della parola, una fotografia arriva a pesare dai 3 ai 5 Mb, e per progetti web vanno quindi ridimensionate opportunamente.

Per questo, oltre che ad usare Photoshop e l’opzione “salva per web”, vi consiglio di scaricarvi il semplicissimo software Xconvert, molto semplice da usare ma che vi alleggerisce ancora le immagini senza perdita sensibile di qualità.

Kaboompics

Kaboompics ha una sua persona licenza, simile a Creative Commons Zero, ma come punto fermo ha quello che le immagini non possono essere a sua volta ridistribuite su altri cataloghi.

Una particolarità di Kaboompics, che può essere molto utile a chi per esempio fa web design o si occupa di brand e immagine coordinata, è la possibilità di cercare le immagini per colore, e per ogni foto gratuita fornisce anche la palette di colori complementari.

Wallpaper: foto in alta risoluzione

Wallpapers

Wallpaper ha migliaia di foto in alta risoluzione che utilizzano la licenza Creative Commons Zero.
Questo significa che possono essere copiate, modificate e distribuite liberamente, sia per uso personale che commerciale.

La cosa bella di Wallpaper è che potete filtrare le immagini per categoria, o per le più commentate o per le più scaricate.

Insomma, foto gratis di qualità in un sito ben fatto.

TheStocks catalogo immagini

TheStocks, un motore per foto gratis

E ora viene la chicca, ultimo ma non ultimo, vi parlo di TheStocks, un aggregatore di siti web per cercare immagini royalty free o con licenza Creative Commons.
Tramite the stocks, avrete in un unica barra laterale circa 30 siti web, tra cui anche alcuni a pagamento, come ad esempio i qui descritti Pexels o Pixabay, in questo modo diventa più semplice e veloce cercare una foto gratis per il vostro progetto.

Oltre a foto ed immagini, su TheStocks è possibile cercare anche file vettoriali, icone, video, fonts.

Il vetro temperato, lavorazione, caratteristiche e manodopera per una materia prima di elevato spessore tecnico

Materia prima di indispensabile necessità, il vetro continua ad essere utilizzato nell’ambito dell’arredamento moderno, grazie ad una costante attività da parte delle case produttrici che sempre più numerose contemplano l’utilizzo del materiale per introdurre sul mercato i loro prodotti. Dato l’elevato spessore tecnico, il vetro temperato soddisfa una moltitudine di esigenze, divenendo indispensabile soprattutto nell’ambito della realizzazione di mobili e contemplando un utilizzo sempre più differenziato. Il vetro temperato è un materiale particolarmente resistente, anche se ottenuto dal processo di riutilizzazione di rifiuti che vengono trattati ad hoc, una volta differenziati rispettando gli adempimenti disposti dalle normative vigenti.

La differenza tra vetro classico e vetro temperato

Anche se adoperato in una vasta gamma di settori specifici, non tutti conoscono alla perfezione la differenza che esiste tra il vetro classico e quello temperato, sempre più di tendenza in questo momento storico perché garantisce il massimo della funzionalità e della resistenza rispetto agli inevitabili segni del tempo. Il vetro temperato proviene da un lungo processo di lavorazione della sabbia a base di silicio, correttamente setacciata e posta ad elevate temperature all’interno dei laboratori che si occupano di trasferirlo alle aziende di competenza. Tale procedimento assume il nome di “tempra” e serve a rendere funzionale e resistente un materiale che mai prima d’ora poteva essere utilizzato negli svariati ambiti della produzione.

L’importanza della fase di lavorazione

Usufruire di un vetro temperato dall’elevato spessore tecnico è direttamente proporzionale al processo di lavorazione al quale la materia prima è stata sottoposta, prima di essere riutilizzata. Ecco perché la manodopera, che si svolge attraverso la tempra, diviene indispensabile al fine di rendere il vetro un materiale resistente e allo stesso tempo funzionale ad una variegata mole di esigenze, anche diverse da quelle legate all’arredamento. Attraverso la tempra eseguita nel modo corretto, la tempra del vetro può resistere a temperature molto elevate (talvolta superiori ai 250° C), diviene elastico e molto più resistente agli eventi accidentali come urti e cadute e resiste alle pressioni più disparate. Per rendere effettive le modifiche che vengono apportate al vetro che dallo stato normale passa a quello temperato, è opportuno che la materia prima non subisca altri processi di lavorazione: ulteriori modifiche potrebbero compromettere la funzionalità della stessa.

Riconoscere il vetro temperato per evitare brutte sorprese

Anche se può sembrare un’operazione all’ordine del giorno, riconoscere il vetro temperato richiede una dimestichezza indispensabile e la giusta conoscenza in materia. Questo per consentire a chi utilizza la materia prima di essere consapevole delle caratteristiche di ciò che ha a disposizione, evitando brutte sorprese. Esistono dei meccanismi inequivocabili che attestano l’esatta qualità del vetro, quali ad esempio la presenza del numero di successione (che si presenta in forma numerica sul retro di ogni elemento), la coesistenza di uno spessore di tre-quattro volte superiore rispetto al normale, il taglio degli angoli che appare smussato per dare nuova forma e vitalità ad ogni lastra. Non meno importante, infine, per riconoscere il vetro temperato si rende necessaria la semplice visione della lastra, meglio se effettuata con apposite lenti dotate di filtro polarizzato. In questo caso, si potranno notare delle strisce di diverso colore che occupano in maniera trasversale l’intera superficie del vetro.